mercoledì 8 aprile 2009

Novita' per la dieta senza glutine.


Per discutere delle scoperte più recenti legate a questa grave intolleranza, ma soprattutto per trasferire le conoscenze cliniche in soluzioni pratiche per i pazienti, esperti a livello internazionale – medici e infermieri - e associazioni di pazienti sono riuniti ad Amsterdam, dal 6 all’8 aprile, per l’International Coeliac Disease Symposium 2009, l’importante appuntamento sul tema giunto alla 13° edizione.

Nelle prime due giornate del congresso viene fatto il punto sull’epidemiologia dell’intolleranza, discutendo gli aspetti clinici e genetici della celiachia e descrivendo gli strumenti diagnostici di ultima generazione, dal kit per la diagnosi immediata alle moderne modalità d’imaging.

Nella terza giornata, l'argomento preminente e' dedicato all’unico presidio terapeutico ad oggi utile per affrontare la celiachia: la dieta priva di glutine. Nutrizionisti e dietisti di livello internazionale descriveranno gli sviluppi dell’industria alimentare e i miglioramenti delle caratteristiche nutrizionali degli alimenti gluten free disponibili sul mercato.

la Dottoressa Letizia Saturni, responsabile del CIESS, Centro Interdipartimentale di Educazione Sanitaria e Promozione alla Salute dell’Università Politecnica delle Marche ha dichiarato, in sintesi, che gli alimenti privi di glutine, in particolare pane, pasta e prodotti da forno prodotti fino adesso hanno utilizzato grassi che, pur essendo di origine vegetale, sono poco salutari. La recente letteratura scientifica ha spesso messo sotto accusa questi prodotti, perché fortemente sbilanciati da un punto di vista nutrizionale. Sono infatti ricchi di grassi, zuccheri e sale mentre hanno bassi livelli di fibra alimentare, minerali e vitamine.

Recentemente molte industrie alimentari hanno compiuto dei progressi importanti proponendo formulazioni nuove utilizzando prodotti a base di farine ottenute dai “cereali minori” e da “pseudo cereali”, come ad esempio grano saraceno, amaranto e teff.

L'utilizzo di tali cereali consente una elevata attività antiossidante. La comunità scientifica è oggi unanime nell’affermare che questi composti sono in grado di combattere la formazione dei radicali liberi responsabili di numerose patologie cronico- degenerative quali patologie cardio-vascolari, neoplasie, diabete tipo II.

Con questi cereali guadagnano anche il gusto e l’aspetto sicuramente due elementi non trascurabili per i celiaci.


1 commento :

Francesca ha detto...

Quanto dice la Dottoressa Saturni è vero.
Il consiglio quindi è scegliere prodotti dalla lista ingredienti corta e che abbiano un apporto di fibre bilanciato.
Attenzione anche a coloranti e conservanti, spesso presenti nei prodotti industriali.

Alessandro

Celiachiamo Staff
www.celiachiamo.com

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...