giovedì 30 aprile 2009

Primavera tempo di graminacee e allergie


Primavera e allergia: quasi un "binomio" indivisibile. Nuvole di polline sembrano quasi annunciare la primavera e aprirgli le porte. La maggior responsabile di questi fenomeni è una famiglia di piante rappresentata su tutta la superficie terrestre da oltre 9000 specie: le graminacee ("Gramineae" o "Poaceae"). Una specie vegetale largamente diffusa e che rappresenta la maggiore componente erbacea di innumerevoli ambienti.
I fiori delle Graminacee, presenti in grande quantità nelle nostre colline e nei nostri parchi, sono disposti in infiorescenze dette "spighette", a loro volta sono riunite in strutture più complesse ("pannocchie" o "spighe").
Sono vegetali ubiquitari capaci di sopravvivono a condizioni climatiche estremamente variabili, al mare e in montagna, dall’equatore alla fascia sub-polare.
Le più "allergeniche" tra le graminacee sono le seguenti specie: Dactylis, Festuca, Poa, Lolium, Holcus, Phleum, oltre a diversi generi di cereali, quali grano, orzo, segale, avena, mais granoturco e riso.
L’immissione dei pollini in atmosfera è abbondante proprio nel periodo stagionale di pollinazione delle Graminacee (Aprile- Giugno), nelle giornate calde e con un’umidità del 60-90%. Tra i fattori che influenzano la produzione di pollini di queste piante erbacee o arbustive, oltre che alla temperatura e all’umidità, appaiono importanti anche le precipitazioni e l’intensità luminosa.

Come difenderci dalle prime reazioni allergiche "polline-dipendenti"?
Una soluzione quasi "banale" è data dalla riduzione del tempo trascorso all’aperto, specialmente in presenza delle condizioni ideali di impollinazione: 25-30 gradi di temperatura, giornate ventilate, umidità 60-90%, giornate soleggiate.

Preferibile quindi evitare le gite nelle ore mattutine, specie in giorni di sole particolarmente ventilati. è importante, inoltre, prestare attenzione alle giornate piovose ed in particolare alle ore successive alla pioggia: non è vero che la pioggia diminuisce sempre l'effetto degli allergeni nell'aria! La pioggia infatti frantuma il polline in una miriade di particelle che mantenendo intatto il loro potere allergizzante e trasportate dal vento, raggiungono più in profondità le vie respiratorie.

Meglio quindi viaggiare in auto con i finestrini chiusi e non andare in motorino o in bicicletta; evitare i luoghi in cui l’erba è stata tagliata di fresco.
Nei periodi critici l'ideale sarebbe trascorrere alcuni giorni di vacanza in zone marine o di montagna: a 600/1000 metri di quota le stesse piante liberano i pollini circa un mese più tardi rispetto alla pianura.Una attenzione particolare meritano i nostri occhi che come specchio dell’ambiente circostante, sono facile preda di forme di congiuntivite allergica scatenata dal contatto con i pollini: meglio quindi usare gli occhiali e non le lenti a contatto per evitare fastidiosi fenomeni di irritazione e proteggere i nostri occhi.

Fonte: sportmedicina.com

martedì 28 aprile 2009

Avellino: La Giornata mondiale dell'immunologia.


Avellino - Si terrà il 29 aprile 2009, in occasione della Giornata mondiale dell'immunologia, presso l’Aula Bottazzi dell’Istituto di Scienze dell’Alimentazione - CNR di Avellino il convegno "Mucosa associated immune responses: between tolerance and inflammation". Con questa iniziativa i ricercatori del Cnr vogliono ricordare l'importanza delle ricerche nel campo immunologico, grazie alle quali è stato possibile debellare malattie infettive devastanti che solo un secolo fa mietevano vittime in tutto il mondo, nonché contrastare alcuni tipi di tumore o prevenire il rigetto dei trapianti. Interverranno scienziati di fama internazionale tra i quali il professor Sollid, uno dei massimi esperti nel campo della malattia celiachia, e la professoressa Vaarala, luminare nel campo del diabete. Sono inoltre previsti interventi di giovani immunologi impegnati nella ricerca sia di base sia clinica.
Fonte: irpinianews.it

sabato 25 aprile 2009

A Verbania la settimana dei tulipani con oltre 40000 fiori


Torna la tradizionale "Settimana del tulipano" aperta dal 25 aprile al prossimo primo maggio nel giardino botanico di Villa Taranto, a Verbania, dove dimorano circa 20mila varieta' di piante su oltre 16 ettari di terreno.
L'appuntamento, nato nel 1957, consente ai visitatori di ammirare oltre 40mila fiori di 65 differenti varieta': dal rarissimo tulipano nero ''Queen of night'' al ''Big chief'', la cui corolla puo' raggiungere i 10 centimentri di diametro; dal ''Fancy Frills'', i cui margini dentellati lo rendono simile all'orchidea, al solare ''Yellow summer''.
Da giugno a ottobre, invece, i giardini della villa ospiteranno, al posto dei tulipani, oltre 300 varieta' di dahlie.

venerdì 24 aprile 2009

Clima: l'aria inquinata "aiuta" le piante ad assorbire piu' CO2


Sembra che l'inquinameto dell'aria ha un effetto positivo per la lotta ai cambiamenti climatici perche' accresce il livello di assorbimento di anidride carbonica da parte delle piante.
In una recente ricerca, un gruppo di studiosi di Zurigo, del Met Office Hadley Centre britannico e dell'Universita' di Exeter ha osservato che, contrariamente a quanto si crede, le piante sono piu' brave ad assorbire CO2 in condizioni di nebbia e inquinamento piuttosto che sotto un cielo terso.

Questo fenomeno riguarda l'aerosol, le particelle inquinanti disperse nell'atmosfera, il quale frastaglia la luce solare che cosi' non arriva piu' diretta dall'alto ma si disperde su un maggior numero di foglie e favorisce quindi una piu' diffusa fotosintesi clorofilliana, il processo dell'assorbimento di C02.
Il risultato e' che nella lotta per la riduzione delle emissioni di gas serra si dovra' tenere conto anche del fatto che con un'aria piu' pulita le piante assorbiranno meno anidride carbonica. La ricerca porta un argomento a favore della geo-ingegneria, che propone di frenare i raggi solari con satelliti che usano specchi o particelle di luce riflettenti.

giovedì 23 aprile 2009

Esagerare con la frutta puo' far male


In alcuni soggetti particolarmente sensibili il consumo esagerato di frutta troppo acquosa (tipo ananas, ciliegie o fragole) contenente un alto tasso di acidi grassi, potrebbe provocare un abbassamento del ph nel sangue che normalmente si aggira sui 7.2.

Scientificamente le diete ricche di frutta fresca forniscono un elevato valore nutrizionale e proprietà antiossidanti, vitaminiche e una quantita' di sali minerali.
Alcuni frutti come la banana possono addirittura sostituire un pasto.

Nel caso di frutta acquosa con alto contenuto di acidi grassi, il nostro organismo tenta di riequilibrare il valore del ph attingendo a sali minerali quali fosfati e calcio contenuti nelle nostre ossa, provocando cosi' una demineralizzazione e un abbassamento delle difese immunitarie.

Orientativamente non si dovrebbero superare oltre i 400 gr di frutta al giorno, tenendo presente che le bucce, se consumate, possono causare in soggetti sensibili, gonfiori o irritazioni della mucosa intestinale. inoltre la frutta cotta da un lato modifica la struttura delle fibre rendendola più digeribile, di contro sviluppa maggiore acidità.

E' buona norma integrare la nostra alimentazione oltre che con la frutta anche con un consumo giornaliero di verdure.


mercoledì 22 aprile 2009

Tele2: nuova promozione ONEDAY per oggi!

ADSL_234x60.gif

Tele2 ritorna con una ONE DAY eccezionale!
Tutti gli utenti che attivano online il prodotto TUTTO COMPRESO usufruiranno di 6 mesi gratis!

La promo è valida da oggi fino a venerdì 24 aprile alle 10!
L'offerta è valida solo per i nuovi clienti.

GRATIS 4 mesi (6 mesi entro il 24 aprile) di telefono e ADSL. Un’offerta incredibile per navigare e telefonare senza limiti e senza canone Telecom. Con TELE2 la festa continua! Corri subito ad attivarti.

martedì 21 aprile 2009

Celiachia, e' possibile che sia di origine virale

Da recenti informazioni scientifiche sulla celiachia, almeno da una serie di articoli pubblicati sulla rivista Plos Medicine, si apprende che la celiachia potrebbe avere una origine virale, la notizia non dovrebbe stupirci infatti un tempo non si immaginava che l’ulcera fosse riconducibile ad un batterio, l’Helicobacter pilori che oggi è invece quanto mai acclarato.

Secondo gli scienziati la celiachia, ovvero l’infiammazione di un tratto dell’intestino che causa una errata risposta immunitaria e rende impossibile l’assorbimento del glutine, potrebbe anche essere messa in relazione con il Rotavirus. Una scoperta confortante per circa due milioni di persone solo in Italia.

Secondo gli studi di un gruppo di ricercatori italiani, effettuati su volontari sani e affetti dalla malattia si sarebbe visto in quest’ultimi la presenza di immunoglobuline che si opponevano alla proteina VP7 dei Rotavirus, cosa che non accadeva in chi non era affetto dalla celiachia. Ne deriva dunque che sempre secondo il pensiero di tali scienziati i Rotavirus potrebbero avere un ruolo nel determinare la malattia in fase attiva con un meccanismo tale da confondere il sistema immunitario dell’organismo rendendolo impossibilitato a difendersi adeguatamente a questi agenti patogeni.

I Rotavirus, che, per’altro, siamo costretti a conoscere fin dalla prima infanzia, sono degli agenti virali responsabili di patologie quali la gastroenterite dei bambini o di eventuali pancreatiti di natura virale.

E' naturale sperare che in un prossimo futuro si potrebbe anche pensare ad una cura della celiachia mediante un vaccino utile anche per quei soggetti che, dopo accurate analisi, si determinasse la loro predisposizione alla malattia e considerando che l’attuale terapia contro la celiachia è basata in larga parte soltanto su una rigorosa dieta senza glutine.

Fonte: Tantasalute.it

sabato 11 aprile 2009

Ecologia quotidiana; vivere con piacere in una casa ecologica

Consigli pratici su come ottenere e vivere con piacere in una casa ecologica.

Negli ultimi tempi cresce l'attenzione nei confronti dell'ambiente in cui viviamo e in particolare dove abititiamo: le case, gli uffici, gli interni in genere.
E' in questi ambienti che noi occidentali passiamo oltre l'ottanta per cento del nostro tempo, e questo ovviamente comporta qualche problema a cui si cerca di porre rimedio con l'architettura bioecologica.

Fino a metà Ottocento, fino alla rivoluzione industriale in sostanza, la nostra vita si svolgeva meno all'interno e più all'esterno, per lo meno nei nostri climi temperati. Poi è successo qualcosa che ha scombussolato questo equilibrio: le industrie, le automobili, le necessità di fare in fretta.

Oggi, dire "ecologia" è diventato un argomento, una scusa per aumentare i prezzi, uno spauracchio che ci fa sentire in colpa se gettiamo per terra un pezzo di carta, da collegare al "buco nell'ozono", per altri viene usata inconsciamente per aumentare il proprio senso di potenza perché dà la grande possibilità di "salvare il mondo" con poche piccole azioni quotidiane.

Si e' cosi' giunti all'interesse per i propri ambienti, le case in particolare. la gente quindi prende sempre' piu' coscienza e ha cominciato ad andare dagli architetti chiedendo loro una casa più "sana", materiali non dannosi all'organismo, impianti che tenessero conto delle influenze elettromagnetiche e tutta una serie di richieste alle quali la maggior parte dei tecnici non sapeva proprio cosa rispondere.

L'architetto italiano dal canto suo si è rivolto alle sperienze maturate all'estero, in particolare in Germania, scoprendo un diverso modo di intendere le case, una riscoperta dei materiali naturali, una serie di studi che individuavano negli interni contemporanei degli elementi negativi per la salute fisica e psicologica di chi li abita.

Sorge così anche in Italia una corrente di pensiero e di azione che si richama a quella che chiamamo qui architettura bioecologica.

Essenzialmente possiamo agire in due modi diversi con l'ambiente che ci circonda:

a. Agire dall'esterno.
Cambiare lo spazio, cercare i materiali giusti, non nocivi, naturali; stare attenti a tutte le regole, cercare di controllare l'ambiente con il maggior numero di mezzi possibili, con l'obbiettivo di renderlo 'sano'

b. Agire dall'interno.
Modificare il nostro comportamento con quello che ci circonda, inseriamo abitudini che possano farci stabilire col mondo esterno dei rapporti di equilibrio positivo e di piacere. L'ipotesi su cui lavora questa soluzione è che spesso sia più efficace agire sul proprio comportamento piuttosto che rifare le case.

Nella valutazione un ambiente, i parametri indicati dalla maggioranza degli operatori sono:
1 - qualità dell'aria
2 - qualità della luce e dei colori
3 - condizione elettromagnetica e geobiologica
4 - temperatura e umidità
5 - qualità dei materiali da costruzione, delle finiture e degli isolanti
6 - qualità dei materiali dell'arredamento
7 - qualità acustica, suoni e rumori
8 - qualità olfattiva, odori e profumi


mercoledì 8 aprile 2009

Novita' per la dieta senza glutine.


Per discutere delle scoperte più recenti legate a questa grave intolleranza, ma soprattutto per trasferire le conoscenze cliniche in soluzioni pratiche per i pazienti, esperti a livello internazionale – medici e infermieri - e associazioni di pazienti sono riuniti ad Amsterdam, dal 6 all’8 aprile, per l’International Coeliac Disease Symposium 2009, l’importante appuntamento sul tema giunto alla 13° edizione.

Nelle prime due giornate del congresso viene fatto il punto sull’epidemiologia dell’intolleranza, discutendo gli aspetti clinici e genetici della celiachia e descrivendo gli strumenti diagnostici di ultima generazione, dal kit per la diagnosi immediata alle moderne modalità d’imaging.

Nella terza giornata, l'argomento preminente e' dedicato all’unico presidio terapeutico ad oggi utile per affrontare la celiachia: la dieta priva di glutine. Nutrizionisti e dietisti di livello internazionale descriveranno gli sviluppi dell’industria alimentare e i miglioramenti delle caratteristiche nutrizionali degli alimenti gluten free disponibili sul mercato.

la Dottoressa Letizia Saturni, responsabile del CIESS, Centro Interdipartimentale di Educazione Sanitaria e Promozione alla Salute dell’Università Politecnica delle Marche ha dichiarato, in sintesi, che gli alimenti privi di glutine, in particolare pane, pasta e prodotti da forno prodotti fino adesso hanno utilizzato grassi che, pur essendo di origine vegetale, sono poco salutari. La recente letteratura scientifica ha spesso messo sotto accusa questi prodotti, perché fortemente sbilanciati da un punto di vista nutrizionale. Sono infatti ricchi di grassi, zuccheri e sale mentre hanno bassi livelli di fibra alimentare, minerali e vitamine.

Recentemente molte industrie alimentari hanno compiuto dei progressi importanti proponendo formulazioni nuove utilizzando prodotti a base di farine ottenute dai “cereali minori” e da “pseudo cereali”, come ad esempio grano saraceno, amaranto e teff.

L'utilizzo di tali cereali consente una elevata attività antiossidante. La comunità scientifica è oggi unanime nell’affermare che questi composti sono in grado di combattere la formazione dei radicali liberi responsabili di numerose patologie cronico- degenerative quali patologie cardio-vascolari, neoplasie, diabete tipo II.

Con questi cereali guadagnano anche il gusto e l’aspetto sicuramente due elementi non trascurabili per i celiaci.


domenica 5 aprile 2009

Al Kursaal l’Assemblea dell’Associazione Regionale Celiaci


Dopo 30 anni dalla sua scoperta, la celiachia resta una patologia ancora piuttosto sconosciuta, ma sempre più diffusa. A San Marino si contano circa 130 persone intolleranti al glutine. In Italia questa malattia colpisce un soggetto ogni 100/150 persone. Numeri sottostimati però perché sono tantissimi coloro che non sanno di soffrirne. Di questo e di altri aspetti - come le malattie associate alla celiachia, le complicanze, l’incidenza sulla popolazione infantile e negli adulti, i prodotti alimentari specifici per la dieta senza glutine - si è parlato oggi nell’ambito della Assemblea Regionale dell’Associazione Italiana Celiachia, che proprio sul Titano celebra il trentennale.
Un appuntamento tenuto a battesimo dal Segretario di Stato per la Sanità, Claudio Podeschi e dall’Associazione celiaci sammarinesi, attiva da anni sul fronte della formazione e dell’informazione.
Per curare questa malattia, attualmente, occorre bandire dalla dieta alcuni degli alimenti più comuni, come pane, pasta, biscotti e pizza. Ma bisogna rilevare che sono sempre di più i ristoranti che offrono cibi per celiaci. E sempre più allargata è anche la scelta di prodotti dolciari confezionati, rigorosamente senza glutine. Tale dieta è infatti l’unica terapia che garantisce al celiaco un perfetto stato di salute.

Fonte: sanmarinortv.sm
Link correlati:
- Pianta di amaranto priva di glutine è indicata per l'alimentazione di chi è affetto da morbo celiaco.

giovedì 2 aprile 2009

Eccezionali promozioni libri su Bol.it: -30% Rizzoli, solo per te! e 3x2 compra 3 libri 1 è gratis!




TERMINI E CONDIZIONI DI VALIDITA' DEL PREZZO PER TE:
- LO SCONTO PER TE E' VISIBILE ESCLUSIVAMENTE SULLA SCHEDA PRODOTTO
- L'offerta è valida su tutti i titoli del catalogo Rizzoli presentati nelle pagine della promozione
- L'offerta scade alle 24:00 del 05 aprile 2009
Rizzoli al 20% di sconto

DETTAGLI DELL'OFFERTA 3x2:
- l'offerta riguarda i prodotti delle sezione Libri (inclusi i Professionali) non scontati;
- sono esclusi invece i prodotti delle sezioni CD, DVD e Idee e i prodotti ordinati con il SERVIZIO PLUS;
- l'offerta si attiva con l'inserimento di almeno 3 titoli nel carrello;
- lo sconto del 100% verrà applicato al titolo più economico;
- l'offerta scade alle ore 24:00 del 12 aprile 2009
3x2, un'esclusiva BOL, acquisti 3 libri e 1 è GRATIS! Solo fino a Pasqua. Affrettati!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...